Sinfonica

Lyniv Cedolins Latini- Bologna stagione sinfonica 28 Aprile 2022


Non profit banner
Non profit bannerSclerosi

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Con la Lyniv : ..
… che sostituisce Conlon (indisposto? Non è dato sapere) il concerto inizia con una forma musicale indefinita, composta da musica, canto e recitato, in ricordo di P.P.Pasolini, con brani delle sue poesie (spesso criptiche e ellittiche). Canta Fiorenza Cedolins, da lungo tempo una vecchia conoscenza del  pubblico bolognese, voce potente e drammatica forse non particolarmente adatta alla tipologia del brano eseguito che si interseca spesso con il recitato di Latini che però utilizza in modo spropositato il microfono. Una composizione di difficile valutazione con le musiche di D’Amico che sottolineano in modo continuativo quanto recitato e cantato.  Il pubblico sembra abbastanza apprezzare.  Segue la monumentale  “eroica”, la sinfonia che Beethoven affermò di prediligere, composta nell’intervallo di tempo 1802-1804, e dedicata a Bonaparte nel periodo bonapartista del compositore di Bonn (che in seguito rinnegò la sua fede politica quando Bonaparte si fece imperatore strappando persino l’intestazione della composizione e dedicando poi la sinfonia al principe Lobkowicz). E’ certamente uno dei grandi capolavori del compositore in cui si fondono lirismo e drammaticità famosa soprattutto per il suo secondo tempo (la celebre marcia funebre) ed è la sinfonia di maggiore dimensione superando mediamente i 50 minuti. Per chi voglia conoscere a fondo la struttura della composizione suggerisco la sua approfondita analisi in Wikipedia.  L’esecuzione della Lyniv è – come suo costume – esuberante e rutilante per cui è di ottima qualità nel primo, terzo e ultimo tempo, mentre manca qualcosa del quel doloroso intimismo che caratterizza la marcia funebre. Forse troppo marcia e troppo poco funebre, si potrebbe dire, in cui prevale l’aspetto marziale a scapito di quello più espressivo e mesto che però è controbilanciato molto positivamente dalla fuga centrale. Naturalmente siamo nel contesto di una esecuzione di ottima qualità e il rilievo riguarda più un aspetto di gusto che la sottolineatura di una pecca. Il confronto con le grandi esecuzioni (e segnatamente quelle di Furtwängler e di Karajan) è in certi momenti difficile, anche se , naturalmente, molto dipende anche dalla qualità dell’orchestra. Che peraltro sotto la direzione della Lyniv è molto migliorata negli ultimi tempi. Successo caloroso ma non eccezionale da parte del pubblico.
HappySadHappy
Programma
Matteo D’Amico – P.P.Pasolini  Poesia in forma di rosa per soprano, voce recitante e orchestra
L. v. Beethoven      Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore, op. 55 “Eroica
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..
————————————————————————————————————————————————————————
With Lyniv replacing Conlon (indisposed? It is not known) the concert begins with an indefinite musical form, composed of music, singing and recited, in memory of P.P.Pasolini, with pieces of his poems (often cryptic and elliptical). Fiorenza Cedolins sings, for a long time an old acquaintance of the Bolognese public, powerful and dramatic voice perhaps not particularly suitable for the type of the performed musica  that often intersects with the recited of Latini  who however uses the microphone disproportionately. A composition of difficult evaluation with the music of D’Amico that continuously emphasize what is recited and sung.  The public  however seems to appreciate it enough.The “heroic” is the symphony that Beethoven claimed to prefer, which was composed in the interval of time 1802-1804, was dedicated by him to Bonaparte in the Bonapartist period of the Bonn composer (who later denied his political faith when Bonaparte became emperor even tearing up the heading of the composition and then dedicating the symphony to Prince Lobkowicz). It is certainly one of the great masterpieces of the composer in which lyricism and drama both are present, famous above all for his second half (the famous funeral march) and is the largest symphony exceeding an average of 50 minutes. For those who want to know in depth the structure of the composition I suggest its in-depth analysis in Wikipedia.  The execution of the Lyniv is – as her costume – exuberant and so it is of excellent quality in the first, third and last mouvements, while missing that subtle intimacy that characterizes the funeral march. Too march and too little funeral, one could say, in which the martial aspect prevails at the expense of the more expressive one. but for the excellent execution of the central fugue. Of course we are in the context of an execution of excellent quality and my relief concerns more an aspect of taste than the underlining of a flaw. But the comparison with the great performances (and in particular that of Furtwängler) is at times merciless, although, of course, much also depends on the quality of the orchestra. Which, moreover, under the direction of Lyniv has improved a lot in recent times. Warm but not eceptional success from the audience.
 
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.