Sinfonica

Rafal Blechaz – Milano Quartetto 24 Gennaio 2023


Non profit banner
Medici senza frontiere

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Un grandissimo   ..
.. pianista, ancora giovane (1985), vincitore dello Chopin del 2005, che ha una volta di più comprovato il suo talento, sia tecnico che musicale, con un programma variato che naturalmente ha compreso una selezione di brani chopiniani e un tributo al compositore polacco Szymanowski. Di Blechaz colpisce la maturità interpretativa che mai indulge a effetti per impressionare il pubblico ma ricerca costantemente il significato intimo dei brani eseguiti. Perfette tutte le esecuzioni chopiniane (e alcune imperfezioni nel difficile finale della polacca fantasia nulla tolgono al valore dell’esecuzione) nelle quali l’impeto romantico è sempre temperato da una perfetta padronanza dello strumento. Durante l’esecuzione più volte mi sono ricordato del migliore Polllini e della sua razionalità esecutiva.  Volendo essere molto critici forse il brano meno riuscito (ma sempre a un altissimo livello esecutivo) è stata la Suite bergamasque di Debussy, probabilmente anche perchè meno collaudata dal momento che ha richiesto l’uso della partitura. Il passpied è stato affrontato con troppa dinamica che ha tolto qualcosa all’atmosfera surreale dell’intero  brano. Ovviamente pressoché perfetta la sonata di Mozart, quella con la celebre marcia turca  (l’interesse per quel paese al tempo di Mozart e poi di Rossini è testimoniato ad esempio dal ratto dal serraglio e dal  turco in Italia). Non secondario che la “marcia” (considerata da molti un brano di facile esecuzione per la semplicità del tema) è di fatto un brano che richiede anche capacità tecniche non secondarie (ad esempio l’esecuzione di ottave) e rimarcabile è stato il senso della misura e l’assenza di qualsiasi impostazione virtuosistica. Per terminare un giusto tributo a Karol Szymanowski con le bellissime (e ovviamente molto complesse) variazioni purtroppo non frequentemente eseguite. Un grande concerto e il rammarico di non avere avuto il piacere di ascoltare il pianista polacco a Bologna negli ultimi anni.  Grandissimo e meritato successo di pubblico. Un solo bis: il famoso valzer di Chopin  in do# minore. Da sottolineare che – cosa ormai desueta – Blechaz si è presentato in frac.
PS Sono costretto ancora una volta a segnalare che commenti “anonimi” e non inviati ai “commenti” dei posts sono immediatamente cassati
(Giovanni Neri 77)
Happy
Happy
Happy
Programma
Wolfgang Amadeus Mozart Sonata n. 11 in la maggiore K 331
Claude Debussy Suite bergamasque
Karol Szymanowski Variazioni in si bemolle minore op. 3
Fryderyk Chopin Polonaise-Fantaisie in la bemolle maggiore op. 61, Notturno  in fa minore op. 55 n. 1, Quattro Mazurche op. 6, Due Polacche op. 40, Polacca in la bemolle maggiore op. 53
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..
————————————————————————————————————————————————————————
A great pianist, still young (1985), winner of the Chopin of 2005, who has once again proven his talent, both technical and musical, with a varied program that naturally included a selection of Chopinian pieces and a tribute to the Polish composer Szymanowski. Blechaz’s interpretative maturity is striking, never indulging in effects to impress the audience but constantly seeks the intimate meaning of the pieces performed. Perfect all the Chopinian performances (and some imperfections in the difficult ending of the Polonaise-Fantaisie do not detract from the value of the execution) in which the romantic impetus is always tempered by a perfect mastery of the instrument. During the execution several times I remembered the best Polllini and his executive rationality.  Just to be very critical, perhaps the least successful piece (but always at a very high executive level) was Debussy’s Suite bergamasque, probably also because it was less tested since it required the use of the score. The passpied was approached with too much dynamics that took something away from the surreal atmosphere of the whole piece. Obviously Mozart’s sonata, the one with the famous Turkish march (the interest in that country at the time of Mozart and then Rossini is testified for example by the Ratto dal Serraglio and the Il turco in Italia Turkish). Not secondary that the “march” (considered by many a piece of easy execution for the simplicity of the theme) is in fact a piece that also requires non-secondary technical skills (for example the execution of octaves) and remarkable was the sense of measure and the absence of any virtuosic setting. To end a fair tribute to Karol Szymanowski with the beautiful (and obviously very complex) variations unfortunately not frequently performed. A great concert and the regret of not having had the pleasure of listening to the Polish pianist in Bologna in recent years.  Great and well-deserved success with the public. Just one encore: Chopin’s famous waltz in C# minor. It should be emphasized that – which is now obsolete – Blechaz presented himself in tails.
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.