Sinfonica

Bell Dugan – Bologna Musica Insieme 24 Ottobre 2022


Non profit banner

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Ci sono casi ..
..in cui scrivere una recensione mi è oggettivamente difficile. Ho assistito più volte a un concerto di Joshua Bell e tutte le volte ho avuto una sensazione di mixed feeling. Nessun dubbio che appartenga alla classe dei grandi violinisti ma c’è qualcosa nel suo approccio che non mi convince del tutto. E’ certamente un violinista πολυτροπος (come Odisseo) che ha abbracciato nel suo repertorio quasi tutte le forme musicali (dal classico, al  jazz, al country etc.) – e questo va ovviamente a suo totale merito – ma nel campo classico non mi sentirei di collocarlo all’altezza di alcuni grandi maestri, Vadim Repin tanto per fare un nome (che io considero assolutamente al vertice concertistico del violino). Accettando una comprensibile accusa di pressapochismo (ma sono qui per essere crocifisso in materia!) direi in modo molto, molto impreciso che mi sembra che suoni sempre “americano”. Non mi si chieda cosa intendo: è quella sensazione di un background da new world che manca del grande sedimento della tradizione europea, cosa che peraltro non vale per altri grandi interpreti al di là dell’oceano (si pensi a Perahia), ma per Bell si. In ogni modo, in duo con un pianista di grande valore -Dugan – ha eseguito un programma di vasto respiro che ha spaziato da Beethoven a Bartòk e concluso (almeno fino a quando sono rimasto in sala) con due bis di gusto molto discutibile: una sua trascrizione di un celebre notturno di Chopin e la virtuosistica ma musicalmente orribile Tarantella di Wieniawski, ovviamente eseguita in modo da strappare un facile applauso a un pubblico di bocca buona.  
PS Sono costretto ancora una volta a segnalare che commenti “anonimi” e non inviati ai “commenti” dei posts sono immediatamente cassati.
Happy
Happy
Programma
Ludwig van Beethoven (1770 –1827)  Sonata n. 2 in la maggiore op. 12 n. 2 (1799) 
Robert Schumann (1810 – 1856) Sonata n. 2 in re minore op. 121 – Grosse Sonate (1851)   
Claude Debussy (1862 –1918) Sonata n. 3 in sol minore L 148 (1917) 
Bela Bartók (1881 –1945) Rapsodia n.1 Sz. 86 (1928) 
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..
————————————————————————————————————————————————————————
There are cases where writing a review is really difficult for me. I attended Joshua Bell concerts several times and every time I had a mixed feeling. No doubt that he belongs to the class of great violinists but there is something in his approach that does not convince me completely. He is certainly a volinist πολυτροπος (like Odysseus) who has embraced in his repertoire almost all musical forms (from classical to jazz, to country etc.) – and this goes obviously to his total credit – but in the classical field I would not place him at the level of some great masters, Vadim Repin just to make a name (which I consider absolutely the top of the violinists). Accepting an understandable accusation of carelessness (but I’m here to be crucified on the subject!) I would say in a very, very imprecise way that it seems to me that his performances always sound “american“. Don’t ask me what I mean: it’s that feeling of a new world background that lacks the great sediment of the European tradition, something that is not true for other great performers across the ocean (think of Perahia). In any case, in duo with a pianist of great value – Dugan – he performed a wide-ranging program that ranged from Beethoven to Bartòk and concluded (at least as long as I remained in the hall) with two encores of very questionable taste: his transcription of a famous nocturne by Chopin and the virtuosic but musically horrible Tarantella by Wieniawski, obviously performed in such a way as to snatch an easy applause from a forgiveful audience.
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

2 risposte a "Bell Dugan – Bologna Musica Insieme 24 Ottobre 2022"

  1. ITALO BICCHIERRI ha detto:

    DAI DETTAGLI SI COMPRENDONO MOLTE COSE , IN QUESTO CASOI BIS HANNO DATO IL TONO DI UN MEDIOCRE CONCERTO DI UN MUSICISTA CHE NON CREDO SI POSSA ASCRIVERE ALL’ EMPIREO DEI VIOLINISTI.IL SALUTO INIZIALE FATTO ASCOLTARE IN REGISTRAZIONE MI E’ SEMBRATO DEL TUTTO SUPERFLUO.

    "Mi piace"

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.