Sinfonica

Maria Grazia Bellocchio – Bologna Festival Il nuovo e l’antico – 26 Settembre 2022


Non profit banner

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Ancora una volta
…. un programma senza capo né coda, un mischione di pezzettini fra loro incorrelati (riassunti sotto la pretenziosa, creativa definizione di “aforismi” – aforisma dal greco ἀϕορισμός che significa distinzione, definizione ovvero cose che non c’entrano nulla con il programma musicale eseguito – come se il nome potesse compensare e celare la pochezza dei contenuti!). Dopo  il concerto di Maisky un altro concerto di cui certamente avremmo fatto a meno. Si tirano fuori dal proprio modesto repertorio alcuni brani e via, tanto il pubblico é paziente. Non sempre…. Kurtág ha composto ben di meglio dei brevi brani inframmezzati senza pause da altri piccoli brani (molti estratti da composizioni di valore ma senza senso se estratti dal loro contesto) di altri autori.  E per non farsi mancare nulla dal punto di vista della noiosità  anche un bis Schumanniano tratto dalle “Waldszenen” fra quelli più  sognanti ovvero “Einsame Blumen – Fiori solitari”. Esecuzioni tutte scolastiche e incolori. Non un concerto ma un saggio soporifero.  Una pianista non più giovane che non siamo interessati a riascoltare. 
PS Sono costretto ancora una volta a segnalare che commenti “anonimi” e non inviati ai “commenti” dei posts sono immediatamente cassati.
SadSad
Programma
François Couperin Preludes I – VIII
da “L’art de toucher le clavecin”
György Kurtág
Perpetuum mobile (objet trouvé)
…eine Blume für Ulrike Schuster…
Play with Infinity; Pen Drawing [Valediction to Erzsébet Schaár] Fifths (3/a, 3/b); Fancifully; (quiet talk with the devil) Hommage à Domenico Scarlatti; Bells for Margit Mándy Bell-fanfare for Sándor Veress; Flowers we are… Grassblades in memory of Klára Martyn
Hommage à Borsody László (Harmonica)
Hommage à Schubert; In memoriam György Szoltsányi Shadow-play (3); Hommage à Ránki György
Waltz (Hommage à Shostakovich); In dark days – for Ferenc Farkas Hommage à Berény i Ferenc 70; Ligatura for Ligeti Hommage à Tchaikovsky; Antiphony in F-sharp; Obstinate A flat; Doina; Fanfare to Judit Maros’ wedding; Les adieux (in Janáčeks manier; Second strictly personal letter to András Szöllösy on his 85th birthday Reticent Question; Waltz; Claudia – Litaneien …
Ligatura x; Hommage à J. S. B; Ligatura y
da Játékok

Domenico Scarlatti
Sonata in re minore, K.32

Franz Schubert
Melodia ungherese, D.817

Dmitri Shostakovich
Peludio in do diesis minore, op. 34 n. 10
2

Pyotr Ilyich Tchaikovsky
Ottobre: Canzone d’autunno

Leoš Janáček
On an Overgrown Path: n.5 “They chattered like swallows”

Johann Sebastian Bach
Sarabanda
dalla Suite francese n.1 in re minore, BWV 812
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..
————————————————————————————————————————————————————————
One more time a program with no sense, a mixture of pieces unrelated to each other (summarized under the pretentious, creative definition of “aphorisms” – aphorism from the Greek ἀφορισμός which means distinction, definition, things that have nothing to do with the musical program performed – as if the name could compensate and hide the scarcity of the contents!). After the Maisky concert another concert that we would certainly have done without. They extract out of their modest repertoire some pieces and that is it, banking ot the public’s  patience. Not always…. Kurtág composed much better than the short pieces interspersed without pauses by other small pieces (many extracts from valuable compositions but meaningless if extracted from their contexts) by other authors.  And in order not to miss anything from the point of view of boredom also a Schumannian encore taken from the “Waldszenen” among the most dreamy:  “Einsame Blumen – Solitary Flowers”. Executions all scholastic and colorless. Not a concert but a soporific student recital.  A pianist no longer young that we are not interested in listening to again.
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!!
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

Una risposta a "Maria Grazia Bellocchio – Bologna Festival Il nuovo e l’antico – 26 Settembre 2022"

  1. Italo Bicchierri ha detto:

    Non ho ben compreso, nel caso ci fosse,l’idea unificante questa serie di brani,ne’ l’inserimento di questo Concerto nel ” Nuovo e l’Antico”.
    Concordo sull’ effetto ipnotico.

    "Mi piace"

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.