Sinfonica

Il balletto del trasloco – Bologna Teatro comunale


Non profit banner

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Se persino….
…  il presidente del comitato di indirizzo rilascia una intervista sul trasloco del teatro per lavori, normalmente silente come una delle tre scimmiette, vuol proprio dire che la situazione è drammatica. È  concepibile che un management aspetti gli ultimi trenta giorni per decidere un drammatico trasloco largamente prevedibile in anticipo? Ogni commento è inutile: dilettantismo allo stato puro.

 PS. Non ho pubblicato alcuna recensione della Luisa Miller in quanto assente
 
Sad
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..
———————————————————————————————————————————————————————–
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

3 risposte a "Il balletto del trasloco – Bologna Teatro comunale"

  1. ITALO BICCHIERRI ha detto:

    MI CHIEDO SE QUESTI LAVORI SIANO DAVVERO NECESSARI E IMPROCRASTINABILI, NON INTERESSANDO, A QUEL CHE E’ DATO SAPERE , ELEMENTI STRUTTURALI DELL’ EDIFICIO.MI DUOLE CHE IL PUBBLICO E IN PARTICOLARE QUELLO DEGLI ABBONATI NON SIA STATO RESO PARTECIPE DELLA PROLUNGATA CHIUSURA DI 4 ( QUATTRO ? ) ANNI E LE NOTIZIE SIANO STATE CONOSCIUTE ATTRAVERSO LA STAMPA LOCALE ( PER QUANTO MI RIGUARDA ATTRAVERSO QUESTO BLOG ).

    "Mi piace"

  2. Ottorino Rispoli ha detto:

    Dopo le presentazioni in pompa magna del progetto di ristrutturazione con rutilanti rendering, e mi pare con scarsa comprensione da parte dei cittadini, ecco che i nodi vengono al dunque. Non sarà per niente semplice organizzare un teatro d’opera dentro un capannone fieristico. Ovvio che il palcoscenico sarà una piattaforma sulla quale appoggeranno le scenografie. Punto. Quindi per 4 anni, preventivati e non certi, scordiamoci qualsiasi mutazione tipica delle rappresentazioni operistiche. Di sicuro avremo una certa monotonia da questo punto di vista. Sopratutto se la direzione non avrà l’ intelligenza di chiamare registi e scenografi dotati di quella genialità che sembra scomparsa dal palcoscenico di Largo Respighi negli ultimi anni. I problemi sulla carta sono molteplici. Pensiamo a come sarà riscaldato il tutto. Se propenderanno per un allestimento dentro un capannone mica potranno sfruttare la ventilazione ivi esistente. Per dirne una. Il grande rischio è che il pubblico volti le spalle all’ istituzione e diserti gli spettacoli. Il Covid sta allentando la sua morsa e magari la Fiera chiederà di smantellare qualche mese all’ anno baracca e burattini, per tenervi esposizioni. Con quali notevoli costi? Una ultima considerazione. Si è molto parlato dei lavori al Comunale volti a ricucire il rapporto con il contorno assai movimentato, per semplificare. Ma non è dato sapere come cambierà dentro il teatro. Nessuno dice se sarà modernizzato nella macchina scenica, molto carente da diversi punti di vista. Diversi palcoscenici delle province limitrofe sono assai più funzionali. E poi la Sala del Bibiena tutta sbrindellata, scrostata e rappezzata. Nessuno ha detto se e come sarà restaurata. Comunque seguiremo con attenzione l’ evolversi del trasloco. Consiglio di affrettarsi a fotografare la famosa torre dell’ impianto idrico a caduta, che verrà demolita. Il manufatto più alto del centro storico e parte del paesaggio da decenni. In altre civiltà sarebbero sorti comitati per impedirne la demolizione. Ma non a Bologna di questi tempi. Peccato.

    "Mi piace"

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.