Sinfonica

Dendeviel/Albanese – Bologna Teatro Manzoni 28 Ottobre 2021

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
 
C’è un’attenzione ..
... particolare del comunale di Bologna alle  sinfonie di Sibelius (un nome cui peraltro sono affezionato, essendo il titolo di un sofisticato programma di editing musicale che uso regolarmente) che ricorrono spesso nei programmi della sua orchestra. Nulla da eccepire, naturalmente, ma il panorama musicale  offre molteplici possibilità spesso trascurate. Il giovane direttore Dendeviel ha parecchi pregi ma anche alcuni difetti. Fra i suoi pregi quello di utilizzare in modo differenziato le braccia (come ci hanno abituato i grandi direttori) e una mimica corporea che bene riflette lo spirito dei brani eseguiti. E’ molto buona la sua direzione nei passaggi più movimentati mentre eccede nell’allargamento dei tempi nei cantabili (ad esempio nella parte intermedia di  Les Préludes) facendo perdere il filo del discorso musicale. Molto, molto più difficile una valutazione per la sinfonia di Sibelius, un brano privo di continuità musicale e di unitarietà. Sembra un collage di istantanee musicali senza una logica. Probabilmente Dendeviel ha estratto dal brano il meglio ma difficile da valutare se la materia musicale cui si applica è di qualità discutibile.  In generale il giovane direttore ha condotto l’orchestra al meglio che però come sempre non si è  fatta mancare una stecca del corno. Veniamo ora al concerto per pianoforte di Liszt. Giuseppe Albanese è un pianista che ha vinto qualche premio importante (ma non fra i più importanti nonostante che in un accesso di acuto sciovinismo Le Figaro abbia definito il Vendom Prize il concorso più prestigioso del mondo. Busoni e Chopin si rivoltano nelle tomba….) e che fa della tecnica il suo pregio principale se non l’unico. Si trova quindi perfettamente a suo agio nel repertorio Lisztiano, nel quale però si limita a mettere in luce solo gli aspetti più virtuosistici (non sempre immacolati), trascurando quelli più strettamente “musicali”. Ne esce una esecuzione rutilante ma incolore come se il primo concerto fosse una pura esercitazione tecnica, mentre proprio perché spesso nascosti fra i lati più funambolici,  gli aspetti più cantabili richiedono all’interprete una sensibilità che G. Albanese non sembra possedere. Suona sempre forte, troppo forte (il piano piange) nei passaggi tecnici, come se fossero esercitazioni atletiche (mentre anche lì si annida la musica) e raggiunge l’orgasmo musicale nelle ottave che esegue con furia iconoclastica.  Nei passaggi cantabili, per compensare, allenta i tempi dando luogo a un’interpretazione esangue e monotona.  Par dessus  le marché sfoggia atteggiamenti divistici teoricamente ispirati, (mani sospese nell’aria, ammiccamenti al pubblico etc.) dei quali non si sente certo il bisogno. Per capire cosa possa essere un’eccellente esecuzione del concerto Lisztiano basta andare su YouTube o ascoltare l’interpretazione di A.Lucchesini, che pur immacolata nei passaggi tecnici, estrae dallo spartito tutto il significato musicale.  Naturalmente, come spesso avviene con un pubblico di bocca molto buona l’esecuzione di Albanese ottiene un buon (non eccezionale) e immeritato applauso premiato con due bis di pessimo gusto, basati su motivi di musica leggera, rielaborati in modo virtuosistico per sollecitare dalla parte meno avvertita del pubblico un facile consenso.  Da rimarcare la presenza in sala di una clacque da concerto rock con tutti i tipici gridolini. Probabilmente questi assatanati hanno sbagliato sala…
(Giovanni Neri – 75)
Happy 
Dendeviel
Sad
Sad
Sad
Albanese
Programma
Franz Liszt
Les Préludes
Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in mi bemolle maggiore, S. 124
Jean Sibelius
Sinfonia n. 1 in mi minore, op. 39
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..

_________________________________________________________________________________________________________

There is particular attention ..
… of the Comunale theater of Bologna to the symphonies of Sibelius (a name to which I am fond of, being the title of a sophisticated music editing program that I use regularly) that often recur in the programs of its orchestra. Nothing to complain about, of course, but the music scenario offers several more, often overlooked, possibilities. The young conductor Dendeviel has several merits but also some flaws. Among his merits is that of using his arms in a differentiated way (as the great conductors have accustomed us) and a bodily mimicry that well reflects the spirit of the pieces performed. His direction in the most allegro passages is very good while he exceeds in slowing down the cantabile mouvements (for example in the intermediate part of Les Préludes) making the thread of the musical discourse lose. Much, much more difficult an evaluation for Sibelius’ symphony, a piece devoid of musical continuity and unity. It looks like a collage of musical snapshots without a logic. Probably Dendeviel has extracted from the simphony its best,  but  this is difficult to evaluate if the musical subject to which it applies to is of questionable quality.  In general, the young conductor led the orchestra to its best but which, as always, did not miss a wrong note of the horn. Now to Liszt’s piano concerto. Giuseppe Albanese is a pianist who has won some prizes (but not among the most important despite the fact that in an access of acute chauvinism Le Figaro has called the Vendom Prize the most prestigious competition in the world. Busoni and Chopin revolt in their graves….) and that makes the technique his main value if not the only one. He is therefore perfectly at ease in the Lisztian repertoire, in which, however, he limits himself to highlighting only the most virtuoso aspects (not always immaculate), neglecting the more strictly “musical” ones. The result is a rutilant but colorless performance as if the first concert were a pure technical exercise, while there are hidden pieces  which require the interpreter a sensibility that G. Albanese does not seem to possess. He always plays loud, too loud (the piano cries) in the technical passages, as if they were athletic exercises (while even there the music lurks) and reaches his musical orgasm in the octaves that he performs with iconoclastic fury.  In the cantabile passages for compensation he loosens the pace giving rise to a monotonous interpretation.  Par dessus le marché he shows off theoretically inspired divistic attitudes , (hands suspended in the air, winks to the public, etc.) of which there is certainly no need. To understand what an excellent performance of the Lisztian concert can be, just go to YouTube or listen to the interpretation of A.Lucchesini, who although immaculate in the technical passages, extracts from the score all the musical meaning.  Of course, as often it happens with a non expert audience, Albanese’s performance gets a good (not exceptional!) albeit undeserved applause rewarded with two encores of bad taste, based on light music motifs, reworked in a virtuoso way to solicit from the less sensible part of the audience an easy consensus.  It must be underlined the presence in the hall of a “rock”  music clacque with all the typical shouts. Probably these randy people have chosen the wrong hall…
PS I would kindly ask the readers of this blog to  register  (which implies nothing) which can be easily made  by “clicking” the black square above each post. By so doing they will receive an e-mail message whenever a new post is published.
PS A “blogger” is not an oracle and inevitably makes errors (the minimum possible..). I often receive “corrections” not always fundamental and not always accurate. Just as I submit myself to the judgement of others with the name and surname so those who want to have the goodness to report errors or inaccuracies will have to do so only by sending a comment: everyone has his own responsibility.
 
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.