Sinfonica

Enrico Pompili – Pianofortissimo Bologna 15 Giugno 2021

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

IMG-20200729-WA0003

MATISSE
Un pianista..

… non più giovanissimo e assente dai grandi circuiti internazionali ha offerto un concerto godibilissimo alternando brani di autori di epoche diverse, molti dei quali di origine bolognese. Diciamo subito che la frammentazione legata alla natura dei brani eseguiti rende non semplice una valutazione unitaria anche per il fatto che molti di essi erano ignoti (almeno al sottoscritto) venendo a mancare i termini di confronto. Ma un raffronto è stato comunque possibile basandosi sugli studi di Chopin op. 10 numero 3, 6 e 9, tre studi in cui è per lo più assente la componente virtuosistica. L’esecuzione è stata esemplare estraendo dallo spartito la vera essenza musicale, evitando eccessi falsamente romantici o licenze ritmiche del tutto fuori luogo. Un plauso incondizionato. Il pianismo di Pompili è solido, basato su una tecnica eccellente (come comprovato dalla sonata di Skrjabin) ma soprattutto capace di adattarsi ai vari stili dei brani eseguiti. L’unica pecca  è stata la composizione di Otte, un minimalismo noioso, ripetitivo, di difficile sopportazione senza l’ausilio di una buona dose di caffè. Perché sia stato scelto al posto del previsto brano di Stockhausen  riesce difficile comprendere.  Un buon successo di pubblico premiato con l’esecuzione di tre bis.
HappyHappy
Programma
musiche di Jacopo da Bologna, Stradella, Scelsi, Chopin, Respighi, Martini, Otte, Azzaiolo, Skryabin
A pianist no longer very young and absent from the great international circuits has offered a very enjoyable concert alternating pieces by authors from different ages, many of them of Bolognese origin. Let’s say immediately that the fragmentation related to the nature of the performed pieces makes not easy a unitary evaluation also because many of them were unknown (at least to me) missing the terms of comparison. But a comparison was however made on the basis of Chopin etudes op. 10 number 3, 6 and 9, three etudes where the virtuosic component is mostly absent. The performance was remarkable by extracting the true musical essence from the score, avoiding falsely romantic excesses or rhythmic licenses completely out of place. An unconditional acclaim. Pompili’s piano is solid, based on an excellent technique (as evidenced by Skrjabin’s sonata) but above all capable of adapting to the various styles of the pieces performed. The only flaw was the partiture of Otte, a boring, repetitive minimalism, difficult to bear without the help of a good quantity of coffee. Why he had chosen it instead of Stockhausen’s is hard to understand.  A good success of the public rewarded with the execution of three encores.
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..

 

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per conoscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!

Standard

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.