Avvisi

Ci risiamo – 7 Dicembre 2020

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Oggi 7 Dicembre…

… sarebbe stata la data fatidica dello spettacolo di apertura della stagione della Scala. Un evento ovviamente azzoppato dal maledetto Covid 19 che però avrebbe potuto tenersi ugualmente anche in assenza di pubblico. Che cosa ti sfornano invece le eccelse menti della Scala? Uno sgangherato programma nazional-popolare stile concerti Martini e Rossi degli anni ’50 con arie d’opera senza correlazione inframmezzate da balletti, una sorta di Sanremo della lirica con due presentatori di cui non si sente certo il bisogno e che di musica capiscono come il sottoscritto di filologia romanza. Insomma uno scadimento che possiamo solo sperare non faccia scuola ovvero non si ripeta mai più perché è di buona musica e buono spettacolo che c’è bisogno e non di carrozzoni circensi. Ovviamente c’è un aspetto economico, ovvero questo tipo di spettacolo non è ripetitivo e costa comunque meno di un’opera anche se a onor del vero è sempre più frequente assistere a spettacoli dove l’aspetto scenico è assente in favore di un palcoscenico vuoto (minimalismo di dubbio gusto). Quindi sorbiamoci questo pot pourri con il vantaggio che è possibile cambiare canale anche se la programmazione odierna è da piangere e le regole delle regioni anche gialle obbligano a restare in casa. Per la Scala si può dire: uno spettacolo triste per un periodo triste.
 (Giovanni Neri – 74
A coloro che leggono il blog chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla). Così facendo riceveranno un e-mail tutte le volte che un nuovo post è pubblicato.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail..

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Kurvenal e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato “clikkare” sul cerchio rosso per cooscere la modalità

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Blogposts translations are available!
 Apology:  in some cases (i.e. german) the automatic translation can be totally meaningless. 
With Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinchè tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (è indispensabile lasciare nome e cognome – i commenti anonimi non saranno pubblicati)!!
Standard

19 risposte a "Ci risiamo – 7 Dicembre 2020"

  1. Roberto Barilli ha detto:

    Visti i precedenti al Circo Massimo con Rigoletto e all’Opera di Roma con il Barbiere, Davide Livermore avrebbe potuto osare e mettere in scena alla Scala un’edizione della Lucia di Lammermoore in versione operistico-cinematografico tanto più che aveva a disposizione proprio il soprano che, nella serata, ha offerto una prova del suo valore molto significativa. Ma non è una colpa se Livermore non è né Michieletto e ne Martone!
    In ogni caso a me la serata è piaciuta anche perchè è stata allietata dalla vista della bellissima Garinca che, ripeto, oltre che una gran bella donna ha anche una voce stupenda!

    "Mi piace"

  2. andrea bassoli ha detto:

    Tra le poche decine (di milioni) di dipendenti la RAI sceglie due collaboratori esterni che parlano di tutto meno che di musica!
    Pezzi scollegati, con musica monocorde e voci strozzate (che indecisioni sui finale della donna è mobile..), balli che intervengono senza bisogno e attori che presenta no un po’ di filosofia sulle cose del mondo.
    Ci dicono che questo spettacolo sia venduto a tutto il mondo, speriamo che non si accorgano della neve dipinta. Per i costi vorrei dire che Bolle, Vespa, ecc. saranno costati un bel po’. Con lo stesso budget si sarebbe potuto allestire un altro spettacolo…

    "Mi piace"

  3. Roberto Barilli ha detto:

    Un Thread molto opportuno, questo. Detto che spero la profezia del prof Neri non si avveri sullo spettacolo di oggi (che mi ero diligentemente appuntato) lo ‘rimprovero’ di non avere preavvertito i suoi Fan del bellissimo Barbiere di Siviglia di sabato con la regia di Martone all’opera di Roma. Uno spettacolo affascinante a dir poco! Che ha fatto il paio con quello di Michieletto al Circo Massimo

    "Mi piace"

  4. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    L’avevo notato anch’io.
    Purtroppo siamo gli stessi che scopiazzano da qualche anno alla Fenice – con tanto di soprano tremolante che canta il brindisi della Traviata e tenore che si sgola ma il tutto presentato come il massimo della “cultura” – il Concerto di Capodanno viennese. Ora avremo il doppione scaligero.
    Però siamo sempre ” migliori del Mondo”, mi aspetto quindi recensioni esultanti alla consueta passerella.
    Chissà se l’evidenza che ci ha dimostrato questa pandemia a suon di morti ci avrà insegnato qualcosa, almeno a questo riguardo…
    Se non altro ci risparmieremo regie creative e la solita passerella di toilettes.

    "Mi piace"

  5. Massimo GIANNETTO ha detto:

    Egregio seguo sempre con attenzione le tue recensioni /osservazioni /commenti .
    Credo che in questo momento particolare sia difficile pretendere alcunché’ ma la Scala
    E’la Scala, e’quindi lecito aspettarsi qualcosa di straordinario .
    Cosa che secondo me e’riuscita a fare l’Opera di Roma con il Barbiere di Siviglia di Martone che ha reinventato lo spazio scenico utilizzando tutto il Teatro e aggiungendo una interessante regia televisiva .
    Piuttosto che il funereo Otello andato in onda qualche settimana fa su RAI 5 mi e’sembrato un tentativo riuscito di innovare l’opera ,lavorando “in assenza “.
    Mi piacerebbe leggere un commento su questa realizzazione da parte sua .
    Buona giornata
    Massimo

    "Mi piace"

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.